Albrecht Altdorfer


1480 c. Regensburg - 1538


XVI secolo


Altdorfer trascorse la maggior parte della sua vita a Regensburg, diventandone cittadino nel 1505; negli anni successivi divenne architetto ufficiale della città e membro del suo consiglio interno. Era lo spirito guida della scuola di pittura del Danubio. Con il paesaggio di Regensburg (1522-25) e altre opere, Altdorfer dipinse i primi paesaggi puri, cioè scene paesaggistiche che non contenevano figure umane, dai tempi dell` antichità. Il suo soggetto preferito erano le foreste della Germania e dell Austria. E` stato anche tra i primi a dipingere la luce dei tramonti e dei crepuscoli. Molte delle sue pale d’altare sono scene notturne illuminate da luce artificiale, luce delle stelle o del crepuscolo con insolita brillantezza.Il capolavoro di Altdorfer, La battaglia di Alessandro a Issus (1529, Alte Pinakothek, Monaco di Baviera), è una scena di battaglia dagli incredibili dettagli e con un paesaggio estremamente drammatico ed espressivo.L` elemento fantastico che ha pervaso i dipinti di Altdorfer è stato anche prominente nei suoi disegni, la maggior parte dei quali eseguiti in nero con lumeggiature bianche su carte scure.I suoi bulini e le sue xilografie, di piccole dimensioni, si caratterizzano per la loro ricchezza inventiva.Alla fine della sua carriera ha usato, come incisore, la nuova tecnica dell` acquaforte per produrre una serie di paesaggi.


La Vergine e il bambino con due fanciulli