focus - Le stampe del Teatro Kabuki

Il Kabuki è una forma di teatro danzato giapponese la cui storia è iniziata nei primi anni del XVII secolo, quando l'intero Giappone era stato sottomesso al controllo dello shogunato Tokugawa.

 

Dai suoi inizi questa forma teatrale è stata espressione di una nuova classe sociale che si è sviluppata nel Giappone pacificato.

 

Questa nuova classe e la cultura che l'accompagna è indicata dal nome giapponese chōnin, che significa cittadino uomo della città.

 

Costituita principalmente dai mercanti, questa nuova classe includeva anche gli artigiani e altre figure sociali che erano in grado di accumulare ricchezza in denaro.

 

Tale ricchezza era principalmente utilizzata per essere consumata in nuove forme di intrattenimento e di arte: il teatro kabuki, gli spettacoli di marionette con accompagnamento musicale (jōruri e bunraku), le poesie haiku, i racconti e i romanzi erotici.

Questo consumo volto ai piaceri della vita include anche la frequentazione dei bordelli, che si sviluppano notevolmente in questo periodo, tollerati dal governo.

 

Dunque il Kabuki nasce come specifica forma di intrattenimento teatrale del nuovo ceto sociale che ha creato le stampe ukiyo-e. Molto spesso le sedi dei teatri sorgevano nelle vicinanze dei quartieri del piacere che ospitavano le cortigiane, e nei soggetti delle stampe gli attori più famosi rivaleggiavano con le bellezze femminili più desiderate.

 

Rispetto alle precedenti forme del teatro giapponese, come il teatro Noh, il Kabuki è caratterizzato da una marcata esagerazione espressiva nei costumi, nei movimenti, nel trucco degli attori e nel raggiungimento degli effetti speciali. Tutte le stampe raffiguranti attori (yakusha-e) che qui presentiamo sono state prodotte intorno alla metà del secolo XIX, quando il campo delle stampe di teatro era monopolizzato dalla Scuola Utagawa, cioè dagli allievi di Toyokuni I.

 

Sicuramente l'artista di questa scuola più coinvolto nella produzione di yakusha-e è stato Kunisada, che nel 1844 ha assunto il nome del maestro come Toyokuni III. Anche Kuniyoshi ha tuttavia disegnato molte pregevoli stampe di soggetto teatrale, e così hanno fatto altri allievi di Toyokuni.

 

Infine, non dobbiamo dimenticare che la produzione di stampe di teatro non era limitata alla sola città di Edo ma si è sviluppata anche in altre città.

 

Un esempio significativo è Osaka, dove le stampe ukiyo-e hanno quasi esclusivamente raffigurato soggetti teatrali. Tra i più fecondi disegnatori di stampe di teatro ad Osaka ricordiamo Hirosada.