Silvana Baseggi Stanza del Borgo +39 02 6598203 info@stanzadelborgo.it


 
Lo Scorticamento di Marsia

Luca Cambiaso
Lo Scorticamento di Marsia
1547/1548

Questo disegno descrive il destino crudele di Marsia, sconfitto nella competizione musicale con Apollo e scorticato come punizione. Si avvicina per ductus e composizione ad un altro foglio di Cambiaso, conservato nella collezione Goldman di Chicago. (Nicholas Turner e Jean Goldman, Drawn to Italian Drawings, The Goldman Collection, exhibition catalogue, Art Institute of Chicago, 2009, cat. n. 42).

Entrambi i disegni sono tipici dello stile giovanile di Cambiaso, quando Luca collaborava con il padre Giovanni nella decorazione del Palazzo Antonio Doria a Genova (oggi palazzo della Prefettura) e va dunque datato anch’esso tra il 1547 e il 1548.

Altri esempi significativi di questo stile giovanile sono il Sileno ebbro  nel museo di Princeton, il Demone si impadronisce di due anime al Louvre, la Conversione di San Paolo a Monaco (vedi Jonathan Bober, ed., Luca Cambiaso, 1527-1585, catalogo della mostra, Austin , Blanton Museum of Art, 2006, n. di cat. 9-11) e San Girolamo nel Kunstpalast Museum a Düsseldorf, collezione dell’Accademia dell’arte.

Nella sterminata e celebrata produzione grafica di Cambiaso, i disegni giovanili sono particolarmente rari. Essi si caratterizzano per un segno a penna ritmico e calligrafico che costruisce figure monumentali con arditi scorci e gesti drammatici. Questo stile grafico corrisponde a quello, in pittura, negli affreschi di Giovanni e Luca in Palazzo Doria: la Battaglia tra Ercole e le Amazzoni e Apollo saetta i Greci davanti a Troia. In questo periodo si colloca il supposto viaggio di Luca a Roma, e il suo incontro con le opere di Michelangelo  e  con il michelangiolismo.

Vi sono, tuttavia, differenze significative tra le due versioni dello scuoiamento di Marsia. Si sottolinea che nel nostro disegno la descrizione è più elaborata e coerente, nelle figure stesse e nei dettagli circostanti, come l’albero a cui è legato Marsia e lo strumento musicale ai suoi piedi. Le forme sono più compatte, la loro modellazione più sviluppata, il loro effetto più plastico. L’azione sembra avere una maggiore concentrazione e violenza. Nell’insieme  il tratto è più variato. E mentre il foglio Goldman mostra tracce di gesso nero sotto il tratto dell’ inchiostro – tipica caratteristica  di una replica nella grafica di Cambiaso – questo disegno è costruito unicamente a penna. Concludiamo che questa composizione qui presentata, di provenienza Ottley, è la versione precedente e indiscutibilmente autografa. Il disegno Goldman è certamente una variazione leggermente successiva sul tema.

  INFORMAZIONI
Tecnica: Penna e inchiostro bruno
Dimensioni: 389 x 287 mm

Provenienza: W. Young Ottley (1771-1836), Lugt 2663


Prezzo su richiesta

  CATEGORIE
Maestri antichi, Disegni, MAESTRI

Contattateci per maggiori informazioni