Stanza del Borgo
STAMPE E DISEGNI DI MAESTRI, STAMPE E DISEGNI GIAPPONESI
Cristo in trono

Martin Schongauer
Cristo in trono
1470 c.

Superba impressione pristina, con intensa inchiostrazione e con le barbe ancora visibili, del primo stato, precedente la riduzione della lastra e il foro di chiodo che compare in alto. Stampata con grande nitidezza su carta vergellata con la filigrana Testa di Bue con Bastone e Cuore, simile a Lehrs filigrane 42. L’impronta del rame è ben marcata e l’esemplare ha margini da 7 a 11 mm su tutti i lati.
E’ estremamente raro reperire una stampa di Schongauer di tale qualità e in stato di conservazione così eccellente.

Provenienza:
Al verso timbro di collezione non identificato (sconosciuto al Lugt);
Kornfeld & Klipstein, Berna, asta del 14 June 1967, lotto 313,
acquistato dal Dr. Otto Schäfer (1912-2000).

Esposizioni:
Catalogo della mostra: Martin Schongauer. Das Kupferstichwerk, a cura di Tilman Falk e Thomas Hirthe, tenutasi alla Staatliche Graphische Sammlung di Monaco 11.9.-10.11.1991, Monaco di Baviera 1991, catalogo n. 33, illustrato a pag. 105.

Catalogo della mostra: Kunst und Können. Drei graphische Techniken und ihre Meister. Schongauer-Kupferstiche, Dürer-Holzschnitte, Rembrandt-Radierungen (…),tenutasi al Martin von Wagner Museum di Würzburg e alla Städtische Sammlungen di Schweinfurt, 1985/1986; Schweinfurt 1985, pagina 5, illustrato.
Le impressioni del primo stato sono molto rare. Lehrs registra un totale di circa 40 impressioni di cui solo 12 del primo stato, tutte e 12 classificate ***. Lehrs non segnala la filigrana Testa di Bue con Bastone e Cuore per questa stampa. Tuttavia, questa filigrana è elencata da lui per impressioni pristine di altre stampe. Non esistono a nostra conoscenza sul mercato altri esemplari della stampa di questa qualità. Il nostro esemplare è stato riprodotto nel catalogo della mostra di Falke / Hirthe.

La figura di Dio benedicente che regge uno scettro e un globo è stata interpretata da un lato come Cristo (Lehrs), dall’altro, a causa della croce mancante nel nimbo, come Dio Padre (Bartsch / Wurzbach). È anche possibile che l’artista non abbia voluto distinguere le due diverse identità, ma rappresentarle entrambe in un’unica figura. C’è una lunga tradizione pittorica e teologica che fonde entrambe le figure in una, ad esempio nei libri miniati, e nella rappresentazione della trinità nella pala d’altare di Jan van Eyck a Gent. Usando la formulazione di un sipario tenuto aperto da due angeli, che ci permette di vedere Dio in trono e benedicente, Schongauer ricorda prototipi precedenti, forse considerati ai suoi tempi particolarmente venerabili.

  INFORMAZIONI
Tecnica: Bulino
Dimensioni: 173 x 124 mm; foglio 190 x 146 mm

Bartsch 70, Lehrs 33 1/ IV, Falk -Hirte 33.
The New Hollstein 33 I/III, Schmitt 33 1/3 I/III

 


Prezzo su richiesta

  CATEGORIE
Maestri antichi, Collezione Maestri

Contattateci per maggiori informazioni