La madonna del muro
La madonna del muro
STANZA
DEL
BORGO
Stampe di maestri

Albecht Dürer

Norimberga 1471 - 1528

La Madonna del muro - 1514

Bulino, datato e monogrammato a destra
Bartsch 40; Meder, pag. 84, n. 36 Ib/c su II; Schoch-Mende-Scherbaum, pag. 187, n. 73, Ib/c su II
mm 147 x 101

Ottima prova, ricca di luce e di contrasto, nella seconda variante su tre del primo stato su due, con il graffio tra la torre e le architetture di destra visibile e con il graffio sul drappeggio dell’abito della Vergine all’altezza del ginocchio. 
Impressa su carta senza filigrana, come indicato da Meder per questa variante.

In condizioni eccellenti, con sottili margini oltre l’impronta del rame.


Il foglio è stato eseguito nello stesso periodo della “Melencolia I” ed i due bulini presentano alcune affinità non casuali nella composizione, ma una profonda diversità di carattere formale e psicologico li separa. Entrambe le figure femminili sono ambientate all’aperto, su di uno sfondo, con le stesse chiavi alla cintola e la medesima borsa per le monete, il Bambino Gesù porta una camiciola del tutto simile a quella indossata dal putto nella Melencolia. Ma diversa è l’atmosfera che aleggia nelle due composizioni: la Vergine, realizzatrice del disegno divino, si contrappone con la sua luce serena all’inquietudine della Melencolia accarezzata dalla livida luce della luna.
Sullo sfondo W. Funk ha riconosciuto una veduta di Norimberga, presa da una delle finestre della casa che Dürer aveva acquistato nel 1509 (cfr. W. Funk in “Albrecht Dürer, Festschrift der internationalen Dürer-Forschung, herausgegeben vom Cicerone”, Lipsia-Berlino 1928, pp 107-111).

note: Venduto