Geisha seduta in una veranda
Geisha seduta in una veranda
STANZA
DEL
BORGO
Stampe giapponesi

Keisai Eisen

1790 - 1848

Geisha seduta in una veranda - 1820 c.

Silografia policroma
Surimono Shikishiban: mm 213 x 188
Firmato ‘Keisai’

Ottima impressione, stampata su carta pesante (Hōshogami) adatta ad ottenere l’effetto del ‘gaufrage’ (embossing), con l’impiego di metalli preziosi, in particolare di polveri d’argento, qualche traccia d’uso ai bordi, in buone condizioni, minimamente rifilata a sinistra ed in basso.
Il surimono raffigura una scena notturna illuminata dalla luna in cui una geisha seduta in una veranda regge con la mano destra una tazza di sake.
Provenienza: Collezione Basil Stewart, venduta nel 1914. Rara.

Notizie su: Keisai Eisen

Keisan Eisen, nato da una famiglia di samurai, alla morte dei genitori, coltivò la passione per la letteratura e il teatro kabuki. La sua vera vocazione fu però l’arte. Ricevette i primi insegnamenti da un pittore della scuola Kano, e poi da Eizan, figura di spicco dell’Ukiyo-e. Fin dal 1810 divenne attivo illustratore di letteratura popolare e ben presto si guadagnò la reputazione di grande pittore. Fu conosciuto in modo particolare per i ritratti di Bellezze Femminili e per i suoi surimono. Disegnò anche raffinate serie di stampe erotiche, una delle quali, molto apprezzata fu Koi no michikusa (L'erba sulla via dell'amore), in cui l'eleganza del disegno e la vivacità della colorazione, concorrono a creare scene erotiche di grande fascino. Nel 1830 si dedicò alle stampe di paesaggio e collaborò con Hiroshige alla celebre serie delle Sessantanove vedute del Kisokaido (Kisokaido rokujuku no uchi). Le Bellezze Femminili rimangono comunque il soggetto principale delle sue stampe e dipinti.