La pura conchiglia rossa - masuogai, 1809
La pura conchiglia rossa - masuogai, 1809
STANZA
DEL
BORGO
Stampe giapponesi

Ryuryukyo Shinsai

1799 - 1823

La pura conchiglia rossa - Masuogai, 1809

Silografia policroma
Surimono, Nishikie,  mm 139 x 187
Firmato: Shinsai ga
Serie: 'Giochi di Poemi'
          ‘Kasen Awase’
Circolo poetico Yomogawa, 1809

Superba prova per qualità d’impressione, colori e stato di conservazione. Stampata con pigmenti metallici ed effetto di gaufrage  ‘blindprinting’, su carta spessa pregiata.

Una cortigiana seduta dinanzi al tavolo laccato della sua toilet si guarda allo specchio per rassettare il colletto del kimono mentre un’altra di fianco a lei,  regge un bacile d’acqua e si volta verso un giovane che pratica il gioco del volano.

La ‘Pura conchiglia rossa’ è il numero 6 della serie ‘Giochi di poemi’, composta da 36 surimono, dieci dei quali sono presenti nella Collezione del Rijksmuseum (Matthi  Forrer, 2013, nn. 154 – 162, pp. 92 – 96). Un esemplare della ‘Pura conchiglia rossa’ è conservato al Rijkmuseum (op. cit. , n. 154, link).
I tre poemi sono opera di altrettanti poeti: Goyasudai   Aritsune, Kagyotei Tetsuito (o Tetsundo) e Yomo no Utagaki  Magao (1753 – 1829), Shikatsube Magao, allievo di Yomo Akara.

Il Poema di Aritsune canta ‘ Le rosse conchiglie sono perfino più felici quando vedono la Dea della Primavera riflessa in un grande specchio’.

Ai tempi la Serie di Shinsai, composta da 36 surimono di lusso più un foglio aggiuntivo di contenuti, ornato con piccoli disegni di tutti i tipi di conchiglie ritratte nei 36 fogli, fu una delle più ampie create simultaneamente.

Seguiranno altre serie: quella di Hokusai, intitolata ‘Ventiquattro esempi di pietà figliale’ databile al 1800, quella di Sori ‘I trentasei Poeti come artigiani’ databile al 1802  e la ‘Piccola Tōkaidō senza titolo’ di Hokusai, composta da 54 disegni, databile al 1804 c.

Nessuna delle Serie nominate raggiunge la perfezione e l’eleganza  della  serie ‘Giochi di Poemi’,  per la raffinatezza dei colori e l’abbondante impiego di metalli preziosi.

La stessa sequenza verrà seguita da Hokusai, di cui Shinsai è l’allievo più precoce, nel 1821: ‘Accostamento delle conchiglie con il Poema di Genroku’ sullo stesso tema.

I Surimono all’origine furono creati singolarmente, solo nei primi anni del 1800 si affermò l’idea dei Surimono in Serie.

Notizie su: Ryuryukyo Shinsai

Ryūryūkyo Shinsai fu un precoce allievo di Hokusai, il suo primo lavoro fu un libro illustrato di carattere umoristico ‘Un gatto visita le prostitute’ pubblicato nel 1799. Si specializzò in seguito in Surimono ed in opere per committenze private. Intorno al 1800 c. l’artista disegnò stampe di piccolo formato e nel 1810 c. cominciò ad adottare il formato quadrato che usò esclusivamente nei lavori più tardi. Per primo indagò il tema della ‘Natura Morta’, fu anche tra i primi artisti a disegnare ampi set di surimono con un tema comune, il più famoso fu ‘Kasen awase’ una collezione disegnata per il ‘Gruppo Yomo’ nel 1809 sul tema delle ‘Trentasei conchiglie’.
note: Venduto